martedì 20 maggio 2008

Operazione antidroga in tutta Italia.
In manette affiliati alla'ndrangheta
Maxioperazione anti 'ndrangheta, compiuta oggi dalla Polizia in diverse regioni italiane. Nel corso del blitz sono state eseguite 48 ordinanze di custodia cautelare, contro presunti appartenenti a un clan affiliato alle "famiglie" della locride, e coinvolto nel traffico internazionale di droga.
I provvedimenti restrittivi eseguiti sono stati emessi dal GIP di Reggio Calabria su richiesta della Dda. L'indagine, avviata agli inizi del 2005, ha consentito di far luce su un'organizzazione criminale i cui esponenti, alcuni dei quali appartenenti alla cosca dei Cataldo di Locri, avevano costituito in Lombardia, Piemonte, Veneto ed Emilia Romagna una fitta rete di affiliati, per smerciare cocaina, eroina e marijuana. La droga veniva importata dalla Colombia e dal Marocco da esponenti della cosca Sergi-Marando di Platì. Le persone coinvolte nell'operazione sono accusate di associazione per delinquere di tipo mafioso finalizzata al traffico internazionale di sostanze stupefacenti. L'organizzazione, secondo quanto è emerso dalle indagini, aveva ramificazioni in tutta Italia. Arresti sono stati eseguiti, oltre che in Calabria, in Veneto, Lombardia, Emilia Romagna e in altre regioni. http://www.repubblica.it
Vivendo a Reggio Calabria,sono felice di essermi accorta che qualcosa si sta'muovendo.
Prima di n'drangheta non si sentiva nemmeno parlare,adesso fortunatamente sta'venendo fuori,negli ultimi tempi ci sono stati diversi blitz di polizia,e per le cosche di calabresi la vita e'certamente meno facile,pero'permettetemi di dire che non capiro'MAI perche'questo stato non voglia togliere alle organizzazioni criminali le loro principali fonti di reddito,droga e prostituzione ovviamente
(tra l'altro con comprensibili vantaggi economici).
Come?Legalizzandole e regolarizzandole,ovviamente.Rendendo la vita ancora piu'dura alle cosche.
Il quadro e'questo:Droghe leggere legalizzate,controllate prima di essere vendute nei tabacchini.
Droghe pesanti regolarizzate,controllate(per evitare siano tagliate male o con sostanze ancora piu'pericolose)prima di essere vendute a maggiorenni in appositi spazi(un po'i koffee shop olandesi),naturalmente previa certificazione di identita',con un documento che garantisce il riserbo e la privacy del consumatore ma allo stesso tempo permette di avere dei dati precisi e di avere una maggiore sicurezza.
Prostituzione regolarizzata,niente piu'ragazze in strada ma in locali appositi,dove il cliente presenta un documento di identita'per garantire la sicurezza ma che non intaccherà'la sua privacy e linea durissima per gli aguzzini naturalmente.
La n'drangheta la mafia la camorra fanno schifo,come fanno schifo i gruppi di criminalita'non organizzata,allora perche'non attaccare alle radici del problema?perche'bisogna sempre fare i moralizzatori?per essere sempre piu'papisti del papa?
perche'se una peccatrice viene strangolata non importa niente a nessuno?
Come a nessuno importa che un ragazzino di 16anni che puo'andare a finire in galera per uno spinelloci rimanga secco perche'la droga potrebbe essere tagliata con sostanze mille volte piu'pericolose.
E come non importa a nessuno se intanto i gruppi di criminalita'organizzata o no continueranno a ingrassare,diventando sempre piu'ricchi e potenti sulle vite e i destini di esseri umani poco avveduti,o fortunati.E'il nostro paese signori...

Nessun commento: