venerdì 24 ottobre 2008

Il programma di Cossiga....tentazioni di regime in Parlamento

  • I virus pericolosi andrebbero stroncati sul nascere per non correre il rischio che si diffondano e diventino endemici.
  • Non sappiamo se qualche insidioso parassita abbia colpito Francesco Cossiga inducendolo a rilasciare un'intervista delirante sul quotidiano QN.
  • Ciò che ci preoccupa è che il Cossiga pensiero possa fare proseliti.
  • Citiamo dal Quotidiano Nazionale: ''Non esagero, credo davvero che il terrorismo tornera' ad insanguinare le strade di questo Paese.
  • E non vorrei che ci si dimenticasse che le Brigate Rosse non sono nate nelle fabbriche ma nelle universita'.
  • Quanto alla possibilita' di usare la forza pubblica espressa dal presidente del Consiglio,Silvio Berlusconi, Cossiga ha detto:
  • "Maroni dovrebbe fare quello che feci io quando ero ministro dell'Interno'',ha continuato. In primo luogo lasciare perdere gli studenti dei licei, perche' pensi a cosa succederebbe se un ragazzino di dodici anni rimanesse ucciso o gravemente ferito...''.
  • ''Lasciar fare gli universitari - ha continuato-Ritirare le forze di polizia dalle strade e dalle universita',infiltrare il movimento con agenti provocatori pronti a tutto, e lasciare che per una decina di giorni i manifestanti devastino i negozi, diano fuoco alle macchine e mettano a ferro e fuoco le citta'''.
  • ''Dopo di che, forti del consenso popolare,il suono delle sirene delle ambulanze dovra' sovrastare quello delle auto di polizia e carabinieri'',ha affermato Cossiga.
  • "'Nel senso che le forze dell'ordine non dovrebbero avere pieta' e mandarli tutti in ospedale - ha continuato -
  • Non arrestarli, che tanto poi i magistrati li rimetterebbero subito in liberta',ma picchiarli e picchiare a sangue anche quei docenti che li fomentano''.
  • ''Soprattutto i docenti - ha sottolineato - Non dico quelli anziani, certo, ma le maestre ragazzine si'.

  • E se qualche esaltato dovesse prendere sul serio quelle che a qualcuno potrebbero suonare come solite e ininfluenti provocazioni?

  • Se qualcuno decidesse di picchiare a sangue uno studente forte di questo avallo preventivo dell'ex capo dello Stato?
  • Articolo tratto da Articolo21.info L'articolo postato credo che riassuma già tutto,ed è ovvio che di fronte a simili esternazioni non si può passare sopra come se niente fosse.

  • Il senatore a vita ed ex presidente della Repubblica Italiana Francesco Cossiga è andato chiaramente oltre,oltre la Costituzione,oltre la legalità,oltre ogni Diritto Italiano o internazionale.

  • La cosa più ovvia è chiederne le dimissioni,ma purtroppo è noto come ogni prezzolato politicante che si rispetti sia ben saldamente attaccato alla poltrona.
  • Ma a questo punto anche se ci accontentassimo delle scuse sarebbe ben poco.
  • Dato che è ovvio che ormai la fase di transizione è terminata e che siamo davvero ufficialmente entrati nel regime,l'unica adesso è cominciare a fare seriamente Resistenza...

  • Nessuno può venire a dirmi che questo NON è fascismo,perchè io ho studiato che erano i fascisti quelli che eliminavano il dissenso tramite il ricorso alla violenza.

  • E la smentita di Berlusconi,che prima dice di voler dare istruzioni al ministro dell'interno su come istruire le forze dell'ordine per mandarle a manganellare gli studenti e i professori "rivoltosi",e dopo afferma con un candido quanto la sua faccia "Mai detto nè pensato di mandare la polizia nelle scuole",non mi fà di certo cambiare idea.

  • Si è comiciato con una legge che vieta le intercettazioni,poi una che garantisca l'immunità al premier e alle altre 3 maggiori cariche dello stato,una vicenda Alitalia gestita in modo becero a talmente autarchico da far sembrare Mussolini un cosmopolita convinto,vicenda di cui pagherà le spese il cittadino Italiano,e adesso si continua minacciando di reprimere con la forza chi esprime il proprio dissenso.

  • L'onorevole Cossiga questa volta l'ha sparata veramente TROPPO grossa,e le scuse non bastano.

In una normale democrazia le sue dichiarazioni avrebbero già scatenato un putiferio,con i giornalisti che lo incalzavano sotto casa,le altre cariche istituzionali che prendevano le distanze alla velocità della luce e il parlamento che lo invitava a dimettersi.

  • Non è ammissibile che quì si risolva tutto con un buffetto sulla mano.

  • Indignatissima

  • Anticlericale89

3 commenti:

Crocco1830 ha detto...

Cossiga questa volta la sparata grossa. Ma lui è uno abituato a far sparare sul serio: era lui il ministro dell'interno nel 1977, quando Giorgiana Masi (martire laica) fu uccisa durante una manifestazione per il divorzio.

Anticlericale89 ha detto...

Già,ho letto di questa ragazza 19enne uccisa,e ho letto anche che Cossiga ultimamente ha cercato di ribaltare le cose dicendo che sarebbe stata in raltà uccisa dal "fuoco amico"....che uomo schifoso...

il Russo ha detto...

Dimenticate quello che questo insigne ex ministro dell'interno ha gestito i fatti di Bologna....